Licata (AG), 17enne spara vicino una scuola: denunciato

Un episodio degno di un film western è andato in scena a Licata (AG). Un 17enne ha fatto esplodere due colpi di pistola, a salve e senza tappo rosso, generando timore e panico tra i passanti della zona coinvolta. L’area in cui sono avvenuti i fatti è vicina alla scuola primaria “Angelo Parla” di via Montesano 26. L’accaduto, tra l’altro, si è verificato in concomitanza dell’uscita degli alunni dall’istituito. I carabinieri hanno identificato e denunciato il giovane alla Procura dei minori di Palermo in quanto ritenuto responsabile del reato di…

Condividi
Read More

Operatore muore dopo vaccino anti-Covid-19, Procura di Agrigento: “Nessun elemento correla i fatti”

AstraZeneca; Vaccino; Vaccini

“Non vi sono, allo stato, elementi per affermare che la morte sia correlata a reazioni al vaccino. L’operatore sanitario cinquantunenne peraltro aveva assunto altri farmaci per altro tipo di problematiche sanitarie. Sono comunque in corso doverosi accertamenti di carattere preliminare”. Lo sostiene – secondo quanto riportato dall’Ansa – la Procura di Agrigento sul decesso di un operatore sanitario di Licata (AG) che lavorava in una casa di riposo di Palma di Montechiaro. “Al di là della circostanza che sia morto per verosimile emorragia cerebrale e che nel mese di febbraio…

Condividi
Read More

Covid-19, operatore sanitario di Licata (AG) muore dopo vaccino: presentata denuncia

Un operatore sanitario perde la vita dopo il vaccino anti-Covid-19 e – secondo quanto riportato dal quotidiano La Sicilia – i familiari hanno presentato una denuncia. La vittima, 52enne di Licata, lavorava in una casa di riposo di Palma di Montechiaro. L’uomo avrebbe percepito uno stato di malessere qualche giorno più tardi dalla somministrazione. Il soggetto è stato trasportato all’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” di Licata e poi trasferito in elisoccorso al Policlinico di Palermo. Il 52enne è deceduto per un’emorragia cerebrale nel nosocomio del capoluogo siculo. I parenti hanno chiesto chiarezza…

Condividi
Read More

Licata (AG), ubriaco soccorso: amico prende barella e corre

Un soggetto in stato di ebbrezza è stato soccorso dai sanitari del 118 e un amico 43enne, anche lui ubriaco, ha trasportato il compare con la barella in giro per il quartiere. I fatti sono avvenuti in via Palma a Licata (AG) e gli ausiliari si sono trovati davanti a una scena “stravagante”. Il mezzo di soccorso doveva condurre il soggetto all’ospedale “San Giacomo d’Altopasso” ma la corsa dei professionisti è stata interrotta dall’amico che cominciato a correre con la lettiga e il compagno. I Carabinieri della compagnia locale hanno…

Condividi
Read More

Licata (AG), torture a disabili: 23enne esce dal carcere e va ai domiciliari

Domiciliari invece del carcere per il 23enne Gianluca Sortino arrestato nel mese di gennaio a Licata, insieme ad altre due persone, con l’accusa di aver torturato, sequestrato e picchiato alcuni disabili nonché postato sui social le immagini dei fatti. Il Tribunale del Riesame di Palermo ha accolto l’istanza avanzata dall’avvocato del giovane, Santo Lucia, e sostituito la misura cautelare. I fermi coinvolgevano pure Angelo Marco Sortino (36 anni) e Antonio Casaccio (26 anni). Il 36enne, difeso dall’avvocato Giuseppe Glicerio, resta in carcere dopo la decisione del Riesame. L’udienza per discutere il…

Condividi
Read More

Licata (AG), tre persone torturano giovani disabili: fermati

Maltrattano disabili solo perché tali. L’orrore si sarebbe consumato a Licata nell’agrigentino. I Carabinieri hanno eseguito tre fermi di indiziato di delitto. Carcere per Antonio Casaccio (26 anni), Gianluca Sortino (23 anni) e Angelo Marco Sortino (36 anni). I soggetti sono accusati di tortura, sequestro di persona e violazione di domicilio. Gli indagati avrebbero picchiato tre giovani colpevoli, a loro dire, di essere disabili. Una persona sarebbe stata colpita con un bastone, legata con del nastro adesivo e abbandonata per strada. A liberarla da quello stato una donna che transitava…

Condividi
Read More

Licata (AG), condannato ex consigliere per scambio elettorale politico-mafioso

Condannato in abbreviato a 5 anni di carcere dal Gup di Palermo l’ex consigliere comunale di Licata, Giuseppe Scozzari, accusato di scambio elettorale politico-mafioso. L’uomo si dimise dopo l’arresto avvenuto nel 2019. Il soggetto essendo responsabile del servizio tecnico dell’ospedale di Licata e influente funzionario dell’Asp di Agrigento avrebbe garantito corsie preferenziali per accedere ai servizi a persone indicate dal boss Angelo Occhipinti. Scozzari, inoltre, in consiglio comunale avrebbe regolarizzato la posizione amministrativa di un terreno sequestrato di proprietà di un affiliato alla mafia. Lo scambio consentì allo stesso –…

Condividi
Read More

Cinema, Tony Sperandeo a Licata e Palma di Montechiaro per un nuovo film

Il famosissimo attore palermitano Tony Sperandeo sta partecipando alle riprese di un film di Gianluca Ciotta, girato tra Licata e Palma di Montechiaro, nell’agrigentino. Il professionista ha preso parte a moltissime pellicole ottenendo anche premi lodevoli. Il film è in fase di realizzazione e uscirà nelle sale cinematografiche nel 2021. La produzione della pellicola è curata da Popup Adv. Ezio Savone si occupa delle riprese. Condividi

Condividi
Read More

Licata (AG), uomo nascondeva pistola e munizioni sotto materasso: arrestato 46enne

antimafia; Biot

Un uomo 46enne di Licata (AG) nascondeva all’interno della propria abitazione una pistola clandestina e le relative munizioni. I Carabinieri di Agrigento hanno arrestato l’individuo nel pomeriggio di ieri. I militari hanno scoperto che l’uomo possedeva l’armamento decidendo, dopo averlo pedinato, di effettuare una perquisizione domiciliare. È stata trovata sotto il materasso della camera da letto una rivoltella calibro 7,65 ed alcune munizioni. L’arma, una pistola a tamburo senza matricola, è stata confiscata così come le munizioni. Il 46enne si trova attualmente nella propria dimora a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Condividi

Condividi
Read More

Migranti a Licata (AG), arrestato scafista: sequestrata imbarcazione, sbarcati 70 stranieri

vito lo iacono; sea watch 3

La Guardia Costiera ha bloccato, nelle acque antistanti Licata (AG), una barca che ha permesso lo sbarco di 70 migranti. Il mezzo aveva già ripreso il largo. Uno scafista, di origini tunisine, è stato arrestato. La Procura di Agrigento e la Capitaneria di Porto contestano all’uomo l’ipotesi di reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. L’imbarcazione ha trasportato quasi fino a riva, in contrada Nicolizia nell’area di Mollarella, i 70 stranieri. Ignoti si sono resi conto della situazione facendo scattare l’allarme. Immediato l’intervento della Guardia Costiera. Le motovedette hanno inseguito e bloccato…

Condividi
Read More