Biancavilla (CT), tragedia in strada: muore un’anziana investita

Drammatica mattinata a Biancavilla, nel catanese. Una donna anziana è deceduta dopo essere stata investita da un’auto guidata da un giovane. La settantaduenne, Rosina Barbagallo, camminava tra l’incrocio di via Verne e via Centamore quando è stata improvvisamente urtata dalla vettura durante una manovra di retromarcia. La signora cadendo per terra ha sbattuto violentemente la testa ed è morta su colpo. I dottori del 118 non sono riusciti, nonostante i tentativi, a rianimarla. Il giovane guidatore della macchina, una Fiat Punto, è rimasto visibilmente sotto choc per la vicenda.

Condividi

Catania, Comune chiude il centro diurno per l’assistenza dei bambini a Librino: genitori e dirigenti protestano in Piazza Duomo

Monta la protesta contro la chiusura del centro diurno per l’assistenza ai bambini di Librino che per venti anni ha lavorato con i minori in uno dei quartieri più difficili dell’intera città. Dal primo novembre il comune di Catania ha deciso di chiudere il centro, di ridurre il numero dei minori indigenti assistiti e di conservare il mantenimento di soli venti minori del Tribunale dei Minorenni. L’associazione culturale ‘Primavera‘ onlus ora costretta a ridurre il personale paga lo stato di dissesto del Comune. Dall’inizio del prossimo mese resteranno a casa trenta persone, pari a circa il 50 per cento della forza lavoro, impegnate finora ad oggi nella cura di circa 150 bambini. Stamattina un nutrito gruppo di genitori, accompagnato anche da alcuni dirigenti del centro, si è recato sotto la sede del Comune, in piazza Duomo, chiedendo di riconsiderare la possibilità di tenere aperta la struttura.

Condividi

Tremestieri Etneo (CT), circolo didattico “Madre Teresa di Calcutta”: crolla intonaco in un’aula

Mattinata da dimenticare per il circolo didattico “Madre Teresa di Calcutta” di Tremestieri Etneo a Catania per il crollo di un grosso pezzo di intonaco dal soffitto di una delle classi, avvenuto questa notte. La causa dell’accaduto, probabilmente, è dovuta alle infiltrazioni per il maltempo della scorsa settimana. Gli alunni trasferiti temporaneamente nel plesso settebello sud. Il sindaco Santi Rando ha subito attivato l’ufficio tecnico che si sta adoperando per le verifiche. In mattinata è prevista una nuova riunione, alla presenza anche della responsabile del plesso e della preside, per valutare l’eventuale chiusura parziale o totale del plesso.

Condividi

Ragusa, Operazione “Country Hide”: arrestate dieci persone per traffico e spaccio di droga

L’operazione denominata “Country Hide” ha portato all’arresto di dieci persone da parte dei Carabinieri del comando provinciale di Ragusa per traffico e spaccio di stupefacenti. L’indagine, coordinata dalla procura locale, ha consentito di accertare come gli indagati (di nazionalità italiana, albanese, tunisina e algerina), organizzati in quattro distinti gruppi criminali, rifornissero le piazze di spaccio nei comuni di Ragusa, Marina di Ragusa, Santa Croce Camerina, Donnalucata e Vittoria.

Condividi

Palermo, Falcone e Borsellino crocifissi: trovati i manifesti in un muro

Macabro risveglio a Palermo dove sono comparsi Due manifesti, uno accanto all’altro, raffiguranti i magistrati Giovanni Falcone e Paolo Borsellino su un muro non distante da piazza Pretoria, la sede del consiglio comunale, in salita Santa Caterina. In alto nelle due croci c’è scritto San Giovanni Martire e San Paolo Martire. I manifesti portano la firma Al Fayeth. Non si sa chi ne sia l’autore, né chi li abbia attaccati al muro.

Condividi

ANAS, piano “basta buche”: 60 milioni di euro per la manutenzione delle autostrade e delle strade della Sicilia

Sessanta milioni di euro per interventi di manutenzione programmata della pavimentazione delle autostrade e delle strade statali della Sicilia di proprietà di Anas. Gli appalti fanno parte di una tranche del piano #bastabuche composta da 76 bandi che riguarda l’intero territorio Nazionale per un ammontare complessivo di 380 milioni di euro.

Condividi

Vicenda Ponte Graci: prossima la ricostruzione

Buone nuove per gli abitanti di Motta Sant’Anastasia, Misterbianco e per gli automobilisti che dopo la demolizione del Ponte Graci, sulla Statale 121 (Paternò-Catania) hanno dovuto allungare i loro itinerari per spostarsi da una zona all’altra in quel tratto. L’esame della Commissione “Unione Europea” ha dato il via libera allo stanziamento dei fondi e l’inizio dei lavori per la ricostruzione del ponte.

Il presidente della Commissione all’Ars, Giuseppe Compagnone e il vicepresidente, Giuseppe Zitelli, hanno infatti annunciato di aver deliberato favorevolmente, insieme agli altri deputati, la proposta dell’Assessorato regionale alle Infrastrutture per la riprogrammazione delle risorse del “Patto per il sud” con lo stanziamento di oltre 2 milioni e 400 mila euro necessari alla ricostruzione del Ponte Graci e per la messa in sicurezza del sottopasso su via Rosolino Pilo, nella frazione di Piano Tavola, fondamentale per collegare il centro abitato e il quartiere via Luna. Confermato dunque quanto aveva detto ai nostri microfoni il sindaco mottese Anastasio Carrà.

Quest’ultimo intervento è stato voluto e sostenuto con forza dall’onorevole Giuseppe Zitelli che sull’argomento, nei mesi scorsi, ha presentato un’interrogazione all’assessorato alle Infrastrutture trovando la piena disponibilità dell’assessorato stesso, rispetto alla fattibilità dei lavori.

Nel quadro della programmazione degli interventi sulla viabilità del territorio catanese – ha evidenziato il deputato regionale, Giuseppe Zitelli –, le due opere sono assolutamente necessarie. Doppio l’obiettivo: il miglioramento della sicurezza della rete viaria e il potenziamento dei collegamenti infrastrutturali. L’impegno assunto subito dopo il crollo del ponte Graci, dal presidente della Regione, Nello Musumeci e dall’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, si trasformano in concreta realtà, mettendo anche fine alle tante, inutili, speculazioni dei giorni scorsi. Ho, inoltre, seguito con particolare attenzione, la questione del sottopasso su via Rosolino Pilo, per riuscire a dare concrete risposte, alle richieste dei cittadini”.

Per quanto riguarda il sottopasso di via Rosolino Pilo, l’intervento mira a eliminare le situazioni di pericolo che ancora oggi si registrano in occasione di violenti acquazzoni. Nel corso dell’ultimo temporale, l’allagamento sotto il viadotto, ha determinato una situazione di pericolo per alcuni automobilisti, rimasti in panne e salvati dall’intervento dei Vigili del fuoco del distaccamento di Paternò.

“Con i fondi stanziati dall’assessorato alle Infrastrutture si porterà a compimento un intervento organico, per una totale messa in sicurezza dell’opera – evidenzia il deputato Zitelli –. Da evidenziare che si sta intervenendo anche nel sottopasso ricadente nella frazione belpassese di Valcorrente, in questo caso, insieme al Sindaco del Comune di Belpasso, Daniele Motta, al vicesindaco, Tony Di Mauro, all’assessore Salvo Pappalardo e ai consiglieri Andrea Magrì e Giuseppe Santonocito, ho effettuato un sopralluogo. L’Amministrazione comunale sta già intervenendo con propri fondi per la pulizia. Si tratta di un primo, importante, intervento tampone di messa in sicurezza”.

Condividi

ARS, slitta la riforma dei rifiuti in Sicilia: 700 emendamenti da esaminare

Slitta il giorno della riforma dei rifiuti in Sicilia. Ieri i lavori dell’Assemblea Regionale Siciliana sono durati meno di due minuti. Il presidente della commissione Ambiente e Territorio, Giusy Savarino, infatti considerando i circa 700 emendamenti al testo, ha deciso di chiedere un approfondimento in commissione.
Li esamineremo lunedì – dice in aula Savarino – chiediamo dunque un rinvio dei lavori alla prossima settimana”.
Il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, chiude la seduta e convoca una nuova riunione dell’Assemblea per martedì prossimo alle ore 16. “È inutile iniziare la discussione generale oggi” dichiara Miccichè.
“Si vedrà chi vuole cambiare davvero e chi invece vuole che tutto resti uguale. Basta con le chiacchiere” ribadisce precedentemente l’assessore regionale all’Energia Alberto Pierobon.
Questa riforma – prosegue l’assessore – allinea la Sicilia al resto d’Italia seguendo le indicazioni di Anac, Corte dei Conti e governo nazionale. Ci siamo confrontati a lungo con amministratori locali, sindacati, partiti, associazioni e siamo aperti a ogni contributo che possa migliorare la norma. La legge garantisce tutto il personale e renderà più efficiente la gestione dei rifiuti in tutta l’Isola. Chi vuole che tutto rimanga uguale, con i disagi per i cittadini, i danni per l’ambiente e gli affari sbagliati, se ne assumerà la responsabilità di fronte ai cittadini siciliani”.

Condividi

Francofonte (SR), tragico incidente sulla SS194: muoiono tre persone

La Sicilia piange tre vittime della strada. Nel tardo pomeriggio di ieri due donne e un uomo hanno perso la vita in un terribile incidente verificatosi nei pressi della Strada Statale 194, poco fuori Francofonte nel siracusano, sulla Catania-Ragusa.

I Carabinieri di Lentini e le ambulanze del 118 sono intervenuti per il sinistro fra una Peugeot 208 bianca e un mezzo pesante che trasportava animali vivi. Sono decedute sul colpo le tre persone che si trovavano dentro l’auto, il camionista è rimasto illeso ed è sopravvissuto. I corpi sono stati estratti dai Vigili del Fuoco.

Le vittime sono: Mauro Nunzio Dipasquale di 58 anni, dermatologo messinese che guidava la vettura, la madre Lucia Giudice di 90 anni sempre originaria di Messina e un’amica dell’uomo, Silvana Sciarrone, di 49 anni, anche lei messinese.
Secondo quanto ricostruito dai militari la Peugeot 208 procedeva da Ragusa in direzione Catania sulla Ss194 ed in fase di sorpasso si è scontrata frontalmente con il camion che proveniva dalla direzione opposta. La Procura di Siracusa ha aperto un’inchiesta per stabilire la dinamica dell’episodio ed attribuire le eventuali responsabilità

Condividi

Ragusa, uomo gioca un euro e vince un milione al MillionDay

La Dea Bendata sorride ad un uomo di Ragusa che gioca un euro al MillionDay, indovina la combinazione dei cinque numeri vincenti e si aggiudica un milione di euro. Il fortunato ha vinto ieri sera al gioco numerico a quota fissa di Lottomatica. La schedina è stata realizzata nel punto vendita ragusano di Catia Raniolo in via Napoleone Colajanni 125. La titolare della ricevitoria ha parlato della vicenda: “Sono felice che un mio cliente abbia vinto. Spero che si faccia avanti per poter brindare insieme, non mi importa del regalo. Penso possa essere un signore di mezza età che frequenta abitualmente la ricevitoria”.

Condividi