Elezioni amministrative in 61 comuni della Sicilia il 24 maggio prossimo. A deciderlo il governo Musumeci, che ha fissato per il 7 giugno la data dell’eventuale ballottaggio. A essere coinvolti dalla tornata elettorale saranno circa 750mila siciliani. Agrigento ed Enna sono gli unici capoluoghi di provincia che andranno al voto.
Si voterà anticipatamente a Casteltermini (Ag), San Pietro Clarenza (Ct), Partinico e Termini Imerese (Pa) e Floridia (Sr), attualmente commissariati e a Camastra (Ag), Bompensiere (Cl) e Trecastagni (Ct), sciolti in precedenza per mafia dal Consiglio dei ministri. Tra i Comuni più grandi coinvolti, oltre ai due capoluoghi, ci sono Marsala (Tp), Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo (Me), Carini e Partinico (Pa) e Augusta (Sr). Sono 17 i comuni al voto con sistema proporzionale, 44 con il maggioritario.

Condividi