Dieci giornate di campionato del Catania trascorse e raccontate anche dalla redazione di Antenna Uno Notizie via radiocronaca sulle emittenti di Bella Radio (103.7 FM), con gli approfondimenti di Bella Sport (dal lunedì al venerdì dalle 13:00 alle 14:00 su Bella Radio TV) e Città Rossazzurra (dal lunedì al venerdì dalle ore 20:00 alle 21:00 su Radio Antenna Uno 101.6 FM) restituiscono l’immagine di una squadra partita forte e sbiadita nel corso delle settimane. Il risveglio, per chi ha potuto dormire sonni tranquilli tra i tifosi dopo la brutta disfatta di Vibo Valentia, è burrascoso.

Il Catania mette alla porta il suo tecnico: Andrea Camplone, a cui sarebbe stato anche chiesto di dimettersi, viene esonerato. Squadra affidata per l’allenamento di oggi – i rossazzurri non riposeranno visto l’immediato ritorno in campo contro il Bisceglie al Massimino mercoledì sera – ad Orazio Russo, ma il prossimo allenatore a guidare gli etnei dovrebbe essere un altro e si tratterebbe di un ritorno. Cristiano Lucarelli, infatti, è ad un passo dal dare l’assenso al suo ritorno alle falde dell’Etna.

Sforzo annunciato a più riprese dalla proprietà nella figura di Nino Pulvirenti, pronto a mettere a libro paga il terzo allenatore dopo Sottil e, appunto, Camplone).

Sulla graticola anche l’amministratore delegato del Catania, Pietro Lo Monaco, che da sempre fermo sostenitore dell’assunto secondo il quale un progetto tecnico fallisce nel momento in cui la sua guida viene meno, deve fare i conti col secondo fallimento consecutivo dopo quello della passata stagione. Il pubblico, ieri al Razza di Vibo ha lasciato la squadra sola dopo il quarto gol incassato da Lodi e compagni.

Il rischio, qualora non si fermasse questo andazzo, è il disamore e disarmo con un distacco insanabile tra le componenti che costituiscono l’intero ambiente calcistico etneo.

Condividi