Coronavirus a Catania, positiva una donna proveniente dalla Lombardia. Musumeci: “Aspettiamo l’esito dello Spallanzani”

A Catania si registra il primo caso di Coronavirus. Una donna è risultata positiva al virus. La paziente dovrebbe essere ricoverata all’ospedale Garibaldi. Lo conferma il governatore della Sicilia, Nello Musumeci: “La donna proviene dalla Lombardia”. Sono stati eseguiti due tamponi alla donna, entrambi risultati positivi. Si trova nel reparto di malattie infettive del nosocomio etneo. “Stiamo aspettando l’esito dello Spallanzani” dice Musumeci.

Condividi

Scala dei Turchi (AG) sequestrata: indagato il proprietario di una grossa fetta dell’area

Sequestrata la Scala dei Turchi. La Guardia costiera di Porto Empedocle ha apposto i sigilli agli accessi al pezzo di costa agrigentina di marna bianca. La confisca è stata disposta dal procuratore di Agrigento, Luigi Patronaggio, che ha anche iscritto nel registro degli indagati Ferdinando Sciabarrà colui il quale è catastalmente proprietario di una grossa parte dell’area. L’ipotesi di reato contestato al soggetto dalla magistratura è di occupazione di demanio pubblico. “A fronte di un sito di immenso valore storico, paesaggistico e geologico, si deve purtroppo registrare una carente tutela dello sito stesso, verosimilmente attribuibile all’ambiguo status giuridico dello stesso” scrive la Procura nel provvedimento di sequestro. Il proprietario e il Comune di Realmonte, da tempo, portano avanti una diatriba anche giudiziaria.

Condividi

Catania, partono i lavori di riqualificazione della fontana “I Malavoglia” di Piazza Verga

Ripristino e riqualificazione della Fontana de “I Malavoglia”, realizzata nel 1975 in piazza Giovanni Verga a Catania dallo scultore Carmelo Mendola e guasta da cinque anni. La struttura prenderà nuovamente vita. Il via ai lavori è stato dato oggi alle ore 10:30 dal sindaco etneo Salvo Pogliese insieme all’assessore Enrico Trantino.

Il recupero della Fontana de “I Malavoglia” sarà realizzato con i fondi per la democrazia partecipata, che prevedono, una compartecipazione in favore dei comuni, al gettito regionale dell’imposta sul reddito delle persone fisiche.

La giunta comunale a dicembre dello scorso anno aveva approvato il progetto esecutivo dell’intervento, stanziando un importo complessivo di 240.137,71 euro. Il progetto è stato successivamente affidato, con procedura di evidenza pubblica, a un’impresa che eseguirà i lavori di riqualificazione.

Condividi

Violenza, giovane adesca ragazzina e la abusa: 25enne arrestato nel palermitano

È stato arrestato e posto ai domiciliari dalla polizia di Termini Imerese un 25enne di Villabate, nel palermitano, per violenza sessuale aggravata su minore e produzione di materiale pedopornografico. Il giovane aveva un falso profilo instagram che utilizzava per adescare ragazzine. Il malfattore le induceva a produrre materiale porno. Una vittima è stata convinta dal 25enne, il quale le aveva fatto credere di avere competenze mediche, ad incontrarlo. Il soggetto ha abusato della ragazzina durante l’incontro. Le dichiarazioni della minorenne, l’analisi dei cellulari e dei pc confiscati sono stati fondamentali per risalire all’identità del giovane di 25 anni.

Condividi

Coronavirus, Musumeci scrive al Premier per fermare lo sbarco di migranti a Messina, la Sea Watch approda

Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ieri sera ha inoltrato una lettera al premier Conte chiedendo di bloccare lo sbarco della Sea Watch a Messina con 194 migranti a bordo perché l’hotspot non è idoneo alla quarantena.

La richiesta non è stata ascoltata, infatti, stamani la nave è approdata sul molo Norimberga. Presenti sul posto il personale delle forze dell’ordine, dell’Asp e del Comune. Dopo aver effettuato le procedure di contenimento saranno svolti degli accertamenti sull’imbarcazione per verificare l’eventuale presenza di persone con la febbre che saranno isolate e messe in quarantena nella caserma Gasparro di Biscontea per 14 giorni.
Il governatore spiegava a Conte che nella caserma messinese “sono emerse rilevanti criticità sotto il profilo igienico-sanitario, in merito all’accoglienza di nuovi migranti. Il centro di primo soccorso ed identificazione, destinato per legge a una permanenza breve limitata alla identificazione dei migranti, appare strutturalmente incompatibile con l’esigenza del prolungato regime di isolamento a cui dovrebbero essere sottoposti i cittadini non comunitari in arrivo”.

Musumeci invitava il Premier: “a condividere il senso di responsabilità nei confronti della comunità dei siciliani, anche in ragione dell’emergenza nazionale che sta impegnando tutte le nostre strutture sanitarie nella complessa azione di contrasto alla epidemia Covid-19”.

Il presidente nazionale di Consumatori Associati, Ernesto Fiorillo, appoggia la posizione del presidente della Regione Siciliana.

Condividi

Terremoto di magnitudo 3.7 tra le isole Eolie e la Calabria

Una scossa di terremoto di magnitudo 3.7 è stata registrata alle 6.27 del mattino in mare tra le isole Eolie e la Calabria. Secondo i rilevamenti dell’Ingv il sisma ha avuto ipocentro a 229 km di profondità ed epicentro 53 km a nord da Messina e 64 km a nordovest di Reggio Calabria. Non sono stati rilevati danni a persone o cose.

Condividi

Coronavirus in Italia: casi in Campania e Puglia

Dovrebbero essere tre i casi positivi ai tamponi del Coronavirus in Campania e un contagio in Puglia. Si tratta di due donne, una italiana del casertano di 24 anni asintomatica che arrivava dalla Lombardia e una ragazza di origini ucraine di 25 anni proveniente da Cremona. Entrambe le pazienti dovranno essere trasferite al Cotugno e saranno poste in isolamento. Positivo al test anche un uomo napoletano, secondo quanto raccolto dal quotidiano La Repubblica. Il soggetto è un 45enne che non presentava sintomi e il contagio sarebbe avvenuto a Milano.

Un uomo di 43 anni di Torricella in provincia di Taranto è risultato positivo al test. L’uomo aveva sintomi influenzali ed è rientrato a casa domenica 23 febbraio dopo essersi allontanato dalla zona rossa di Codogno. Ora è ricoverato all’ospedale Moscati di Taranto. Lo annuncia il governatore pugliese, Michele Emiliano, su Facebook.

Condividi

Operazione antidroga “La Cosa”, i proventi supportavano il clan Cappello-Bonaccorsi: 6 arresti tra Catania e Siracusa

Blitz antidroga in Sicilia. I carabinieri del capoluogo etneo hanno arrestato, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia nell’ambito di un’operazione denominata “La Cosa”, sei persone che gestivano tre importanti piazze di spaccio nei quartieri Pigno e Fossa dei leoni di Catania e a Francofonte di Siracusa. I destinatari dell’ordinanza sono Alfredo Blancato di 37 anni, Sebastiano Miano di 26, Salvatore Musumeci di 26, Federico Silicato di 31, Sebastiano Castiglia di 32 e Gaetano Spataro di 25. Il provento dell’attività illecita serviva anche a mantenere in carcere esponenti del clan Cappello-Bonaccorsi.
La Dda contesta ai soggetti i reati, a vario titolo, di associazione mafiosa e spaccio di sostanze stupefacenti. Le indagini sono partite da una costola dell’inchiesta “Notti bianche” condotta dai carabinieri della compagnia di Gravina di Catania riguardo una banda specializzata in furti di bancomat. Fondamentali le intercettazioni e le dichiarazioni di pentiti. Il gruppo criminale gestiva lo spaccio di marijuana e cocaina ed era in possesso di armi da guerra.

Condividi