Sicilia | Tariffe elevate dei biglietti aerei, segretario generale Uil: “Serve aprire un regime di concorrenza”

Il segretario generale della Uil Sicilia, Claudio Barone, ha parlato in merito alla questione delle tariffe troppo elevate dei biglietti aerei per i cittadini isolani cercando di trovare una soluzione plausibile che consenta ai viaggiatori, di venire in terra sicula e di lasciare la Regione, senza spendere una cospicua somma di denaro.

Il riconoscimento della continuità territoriale per gli scali di Palermo e Catania è importante ma non basta. Oltre alle tariffe agevolate è necessario, infatti, mettere in discussione il monopolio delle compagnie aeree aprendo gli aeroporti siciliani a un regime di concorrenza. In tutto il resto del Paese inoltre è possibile, oltre che viaggiare in aereo, decidere di spostarsi in treno. Per noi siciliani questo è impraticabile. La rete ferroviaria è fatiscente, i tracciati obsoleti con linee dismesse, smantellate o incompiute. Questa è una delle emergenze principali che il Governo Musumeci deve affrontare e provare a risolvere con il governo nazionale il prima possibile“.

Condividi

Sicilia, lieve miglioramento delle condizioni del tempo: allerta gialla per la giornata di domani mercoledì 13

Migliorano parzialmente le condizioni del tempo in Sicilia. La Protezione Civile Regionale ha diffuso l’allerta meteo gialla per la giornata di domani mercoledì 13 novembre 2019.

Sono previsti venti di burrasca sud-orientali con raffiche intense e forti mareggiate lungo le coste. Ci saranno precipitazioni diffuse e persistenti e una frequente attività elettrica.

Condividi

Ragusa, uomo di Scordia arrestato per due furti nel capoluogo ibleo

Un venticinquenne di Scordia, accusato di essere un ladro ‘seriale’ perché autore di due furti a Ragusa di cui uno in un bar e l’altro in una ferramenta dove ha rubato diverse migliaia di euro, è stato arrestato dalla polizia della questura del capoluogo ibleo. Ad incastrare il ragazzo la visione di filmati registrati da telecamere di sicurezza e una impronta digitale lasciata su un registratore di cassa del bar che è stata rilevata dalla polizia scientifica. Nei confronti del venticinquenne il GIP di Ragusa, su richiesta della procura locale, ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per furto aggravato. Il provvedimento è stato eseguito dalla squadra mobile.

Condividi

Catania unita per il Teatro Massimo Bellini

VIVA IL BELLINI, IL BELLINI VIVA”, è questo lo slogan che ha animato la manifestazione svoltasi ieri al Teatro Sangiorgi. Giornata gioisa ma molto ferma negli intenti a sostegno del Teatro Massimo di Catania. Non è iniziata, a causa dell’allerta meteo, la marcia per le strade del centro cittadino inizialmente prevista ma una numerosa rappresentanza di studenti e attori ha comunque promosso con i sindacati l’evento.

Condividi

Maltempo in Sicilia: Eolie isolate per il vento di scirocco

Continua il maltempo in Sicilia. Si registrano, infatti, disagi per gli abitanti delle Eolie che sono isolati a causa del forte vento di scirocco. Gli aliscafi e i traghetti sono bloccati. Nel porto di Milazzo sono stati fermati i lavoratori, i camion di alimentari e le autocisterne di carburanti. Le precipitazioni torrenziali cadute a Lipari hanno trasportato la pomice a valle fino a Canneto, nella zona Calandra. L’amministrazione comunale ha inviato una ruspa per ripristinare la circolazione del luogo.

Sulla Ss113 è avvenuto per il maltempo uno smottamento a Gioiosa Marea, nel messinese. Per due chilometri, quindi, è stato chiuso al traffico un tratto di strada in entrambe le direzioni per massi e detriti sull’asfalto. Sul posto le forze dell’ordine e il personale Anas per gestire la viabilità e per ripristinare la circolazione.

Condividi

La Regione Siciliana ha stanziato 50 milioni di euro per gli agricoltori

Sono stati stanziati dalla Regione Siciliana cinquanta milioni di euro per gli agricoltori siculi al fine di ripristinare degli agrumeti danneggiati dal virus della Tristeza. Gli altri obiettivi sono lo sviluppo di imprese extra-agricole e l’innovazione del settore. La Regione, tramite l’assessorato dell’Agricoltura, ha pubblicato tre graduatorie provvisorie.

Il presidente della Regione, Nello Musumeci, sottolinea come questa scelta sia innovativa per l’agricoltura.

Una consistente boccata d’ossigeno per i nostri agricoltori, oltre che un ulteriore significativo passo in avanti sul fronte della spesa comunitaria del Psr – ribadisce il governatore -. Vengono finanziati progetti che, da un lato, possono contribuire allo sviluppo delle aziende agricole dell’Isola, dall’altro ad attutire i danni causati dalle fitopatie”.

Al finanziamento di centodieci progetti per incentivare le attività extra agricole, utili alla creazione e alla crescita di piccole aziende, sono stati destinati venti milioni di euro.
Venticinque milioni, invece, gioveranno per finanziare cinquanta progetti di cooperazione tra operatori delle filiere al fine di realizzare innovazioni di prodotto o creare tecnologie. Poi circa cinque milioni di euro serviranno per risarcire gli agricoltori che hanno subito danni a causa del virus della “Tristeza degli agrumi”. Saranno risarcite anche le persone con i frutteti colpiti dal “Colpo di fuoco batterico” e dal virus “Sharka”.

L’assessore per l’Agricoltura, Edy Bandiera, esprime il suo parere sulla questione.

“Si tratta di misure estremamente attese dal comparto agricolo siciliano poiché rivestono carattere d’urgenza, nel caso delle fitopatie che stanno danneggiando sempre più le produzioni, con le conseguenti ricadute negative in termini economici. Ma anche strategico nel caso dell’innovazione e dello sviluppo di tutta una serie di attività collaterali a quelle agricole, per le potenzialità di sviluppo delle aree interne, dell’occupazione e dell’imprenditoria”.

Condividi

Palermo, ancora violenza: due aggressioni in poco tempo

Nel giro di due giorni, sabato e domenica, si sono verificate diverse aggressioni a Palermo.
Due persone, in via Roma, hanno picchiato un individuo e una terza persona, complice degli assalitori, ha filmato con il cellulare tutta la scena.
Il secondo caso di violenza è andato in scena vicino via Ventura, zona dal carcere dell’Ucciardone, dove ad essere assalito sarebbe stato un cittadino originario del Bangladesh che avrebbe raccontato l’accaduto ad alcuni poliziotti.

Le forze dell’ordine stanno indagando per risalire agli autori delle aggressioni, cercando di capire se possano esserci collegamenti tra i due episodi.

Condividi

Catania, arrestato turista francese che ha tentato di strangolare la sua ragazza

Nella mattinata del 10 novembre una donna di nazionalità francese è stata soccorsa dal personale dell’UPGSP. La francese, dopo aver trascorso una nottata davvero da incubo, vittima di violenza ed anche di un tentativo di strangolamento da parte del compagno, aveva chiesto aiuto ad un passante.

Il giovane anche lui francese, di ventisette anni, è stato rinvenuto all’interno della stanza del B&B, dove la coppia aveva scelto di alloggiare per una breve vacanza. Il luogo era completamente in subbuglio e pieno di tracce di sangue.

I medici, a seguito del ricovero della donna, hanno riscontrato segni di un tentativo di strangolamento. L’uomo, arrestato, in attesa dell’udienza di convalida, è stato condotto nel carcere di piazza Lanza, mentre la ragazza è stata ricoverata con una prognosi di quaranta giorni.

Condividi

Comiso (RG), donna cade dal balcone e muore sul colpo

Una donna di 62 anni ieri mattina a Comiso, nel ragusano, cadendo dal balcone della sua abitazione, sita al secondo piano, ha perso la vita. Ogni mattina a quanto pare la stessa, per verificare il compiuto ritiro dei rifiuti, si sporgeva dal balcone salendo su un muretto. Per cause ancora da accertare sembrerebbe che abbia perso l’equilibrio e dopo una caduta di 10 metri è morta sul colpo finendo sull’asfalto. Immediato l’intervento da parte dei sanitari del 118 che non hanno potuto fare altro che constatare il decesso.

Condividi

Catania, commercianti di Viale Vittorio Veneto in protesta: un’ora di “buio” per i negozi

Proteste da parte dei negozianti catanesi nei riguardi del Comune di Catania. Succede esattamente al Viale Vittorio Veneto, dove i commercianti hanno spento le luci dei negozi dalle 18.30 alle 19.30, come segno di contestazione per la politica del Comune di gestione della viabilità. Protesta che andrà avanti fino a giovedì prossimo, i negozianti di Viale Vittorio Veneto denunciano un danno alle attività e affermano di sentirsi abbandonati.

Sono tante le promesse non mantenute da parte del Comune di Catania, come il parcheggio di via Bernini mai ultimato, le previste strisce blu mai realizzate, l’arredo urbano e un’area per carico e scarico merce. Quello che stanno volendo dire i commercianti con il loro gesto è: “il Comune di Catania vuole spegnere la luce su di noi e sulle nostre attività che presto saremo costretti a chiudere se l’amministrazione non deciderà di applicare davvero una politica programmatica di sviluppo commerciale per la nostra zona”.

Condividi