Il governo della Regione Siciliana impugna la legge di Bilancio 2020 dello Stato

Il governo della Regione Siciliana ha deliberato di impugnare la legge di Bilancio 2020 dello Stato davanti alla Consulta. È stata assunta questa decisione a seguito di innumerevoli richieste per la modifica dello strumento contabile. Il governo contesta alcune disposizioni presenti all’interno della legge, in quanto, secondo il pensiero dei governatori, violano degli articoli della Costituzione e dello Statuto della Regione. Sono 4 le norme finite sotto osservazione su proposta dell’assessore all’Economia Gaetano Armao. La modifica del percorso attraverso il quale l’Agenzia per la coesione territoriale può procedere alla riclassificazione delle risorse nazionali destinate alle politiche di coesione e di quelle del Fondo per lo sviluppo e la coesione. La norma che prevede quale Soggetto per l’amministrazione dell’area Zes, un Comitato di indirizzo presieduto da un commissario straordinario del Governo nazionale. L’istituzione della sugar tax e della plastic tax.

Condividi

Palermo, nuova Giunta: ritorni, conferme e novità

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha presentato ai suoi alleati la nuova Giunta che passa da otto a undici componenti. Tornano gli ex vice-sindaci Emilio Arcuri e Sergio Marino che ricopriranno rispettivamente gli incarichi del Sue, Condono, edilizia privata e innovazione e del Rap, Verde e Reset.

Il giovane Paolo Petralia, di 26 anni, simpatizzante per le Sardine, laureato in Giurisprudenza alla Statale di Milano e neo iscritto al Pd, figlio dell’ex procuratore aggiunto di Palermo Dino Petralia e della presidente del tribunale di Marsala Alessandra Camassa ha assegnate le deleghe a Sport, Turismo e Rapporti Internazionali. Fabio Giambrone ottiene il ruolo politico da vice-sindaco mantenendo la delega alla Polizia municipale. Giusto Catania, rimane alla Mobilità e Urbanistica e perde la Rap. Maria Prestigiacomo non si occuperà dei Lavori pubblici ed assume la delega Costruzione e manutenzione e i rapporti con Amap e Amg. Giuseppe Mattina mantiene le Attività sociali però cede il Decentramento a Giovanna Marano che gestirà nuovamente la Scuola. Leopoldo Piampiano rimane in carica per le Attività produttive, Igiene e Sanità. Roberto D’Agostino si occuperà di Bilancio e cimiteri e Adham Darawsha della Cultura.

Condividi

Open Arms, la Giunta al voto sul caso legato a Salvini

Il voto finale della Giunta delle immunità del senato sul caso Open Arms si terrà il 27 febbraio alle 16. La votazione sarà entro e non oltre il 3 marzo. A dirlo è il presidente della Giunta Maurizio Gasparri. La discussione riprenderà oggi, il tema del caso è la richiesta di giudizio nei confronti di Matteo Salvini, all’epoca dei fatti ministro dell’interno. Sono previste altre riunioni il 20 febbraio alle 14 ed eventualmente il 25 febbraio.

Condividi

Caso Open Arms, memoria difensiva di Salvini: “L’Italia non aveva alcuna competenza”

L’ex Ministro degli Interni Matteo Salvini spiega la sua posizione nella memoria difensiva, depositata alla Giunta per le Immunità che si riunirà martedì alle 13, in merito al caso Open Arms.

L’Italia non aveva alcuna competenza e alcun obbligo con riferimento a tutti i salvataggi effettuati dalla nave spagnola Open Arms avvenuti al di fuori di aree di sua pertinenza. Lo dimostra lo scambio di corrispondenza tra La Valletta e Madrid nei primi giorni dell’agosto 2019 – ribadisce il politico -. È sicuramente lo Stato di bandiera della nave che ha provveduto al salvataggio che deve indicare il Pos nei casi di operazioni effettuate in autonomia da navi Ong” conclude Salvini.

Condividi

Piano Sud, il governo prevede 123 miliardi di euro

Innovazioni e fondi per il Sud. Il Piano Sud del governo nazionale di Conte prevede oltre 123 miliardi di euro. Nel periodo 2020-22 è previsto un impatto di 21 miliardi di euro (+65% rispetto al triennio 2016-18). Così facendo si massimizzerà l’effetto delle misure della Legge di Bilancio 2020. Il governo centrale ha progettato il miglioramento della viabilità secondaria e nuove ‘Case della salute’ per l’assistenza integrata. Sarà anche ideato un reddito energetico per le famiglie e la sperimentazione dell’economia circolare. Il Green Deal sarà impegnato al Sud e nelle aree interne al fine di realizzare alcuni obiettivi specifici dell’Agenda Onu 2030. Il proposito è quello di limitare i rischi legati ai cambiamenti climatici.

Condividi

Nasce il partito Unità siciliana – Le Api: congresso a Palermo

Giorni importanti all’hotel Astoria Palace di Palermo, struttura che ospita il congresso fondativo del partito ‘Unità siciliana – Le Api’, gruppo fondato da una ventina di sigle sicilianiste. Presente qualche volto noto della politica regionale come Salvo Fleres e Salvatore Grillo, di Siciliani verso la Costituente. Una scelta curiosa salta subito all’occhio degli spettatori in platea: sul podio era posta una bandiera catalana con la Trinacria. Il colore scelto dal partito è l’arancione come si può notare anche dal logo scelto dal gruppo che rappresenta un’ape su sfondo arancione. La linea teorica del nuovo partito ricorda il Movimento per le Autonomie dell’ex governatore Raffaele Lombardo tenendo a mente le dovute differenze.

 

Condividi

La Regione Siciliana stanzia due milioni e mezzo di euro per l’autostrada Messina-Palermo

Il governo della Regione Siciliana ha intenzione di migliorare la sicurezza sulle strade siciliane e, su proposta degli assessori alle Infrastrutture Marco Falcone e all’Economia Gaetano Armao, ha destinato due milioni e mezzo di euro per interventi sull’autostrada Messina-Palermo. L’A20 è di competenza del Consorzio per le Autostrade Siciliane che è controllato proprio dalla Regione.

Saranno realizzati impianti di supervisione, telecontrollo e radio nei tunnel “Tindari” e “Capo d’Orlando”. Le gallerie, negli ultimi tre anni, sono già state sottoposte a diverse opere di messa in sicurezza come il consolidamento delle pareti e delle calotte e la riqualificazione e l’adeguamento degli impianti tecnologici. Sei mesi fa le zone sono state riaperte al traffico, in ambedue i sensi di marcia.

Proseguono gli investimenti della Regione per rendere più sicure ed efficienti le arterie stradali dell’Isola, da anni ormai abbandonate dalle Province e in parte trascurate dall’Anas – ribadisce Musumeci -. Siamo intervenuti sulla viabilità cosiddetta secondaria, la cui manutenzione dovrebbe essere in carico alle ex Province. E proprio su questi ultimi 15 mila chilometri di strade, oltre alle risorse già stanziate (100 milioni di euro), stiamo pensando di destinare un’altra corposa fetta di finanziamenti derivanti dalla rimodulazione dei Programmi di spesa europei e nazionali. Ma non può bastare – afferma il presidente -. Al governo nazionale (che con una legge folle, la Delrio ripresa da Crocetta, ha devastato gli enti provinciali) continuiamo a chiedere restituisca le Province alla loro originaria funzione, dotandole di risorse, oppure istituisca in Sicilia un commissariato con poteri speciali e almeno due miliardi di euro per rimettere in sesto una parte delle strade provinciali disastrate. Nessuno a Roma può far finta di non sapere” dice il governatore in conclusione.

Condividi

Catania, consigliere Bottino rappresenterà “Diventerà Bellissima” al Comune

Il consigliere comunale Daniele Bottino, insieme ai consiglieri Nino Penna e Manfredi Zammataro, rappresenterà #Diventeràbellissima, movimento del presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, in Consiglio Comunale a Catania.

La scelta di un giovane capace come Daniele di aderire al nostro movimento è il segnale che la buona politica può essere sempre un riferimento per i cittadini – spiega Musumeci -. A Catania si sta costruendo un gruppo affiatato che, assieme all’assessore Trantino, sarà in grado di essere anche cerniera tra la città e la Regione”.

Nei giorni scorsi il gruppo era rimasto privo di un componente, il consigliere Alessandro Messina che è passato alla Lega accolto direttamente dal senatore Stefano Candiani proprio nella città etnea.

Bottino è stato eletto nella lista “Con Bianco per Catania”. Lo stesso è in seguito diventato capogruppo della medesima compagine. Adesso con l’ingresso di Bottino il movimento di Musumeci ritorna ad essere formato da tre componenti.

Condividi

Sicilia, passa l’emendamento al Milleproroghe: arrivano 80 milioni per ex Province

È stato approvato l’emendamento al Milleproroghe che permetterà alle ex Province Regionali siciliane di approvare il bilancio annuale 2020 (e non triennale). Il parlamentare nazionale del Movimento 5 Stelle Adriano Varrica è il primo firmatario dell’emendamento.

Si tratta di un riparto di fondi strutturali che gli enti potranno utilizzare anche nei prossimi anni – ribadisce Varrica –. Con il mio emendamento siamo riusciti a stanziare 80 milioni di euro di contributo statale come perequazione per il prelievo forzoso a cui sono soggetti gli enti siciliani. Alla città metropolitana di Palermo andranno 17,7 milioni. A quella di Catania 16,26 milioni, Messina 10,40 milioni, Siracusa 7,15 milioni, Agrigento 7,14, Trapani 6,75 milioni, Ragusa 5,55 milioni, Caltanissetta 4,9 milioni e a Enna 4 milioni. Questo provvedimento è un ulteriore passo verso il risanamento delle ex province siciliane” conclude il parlamentare.

Condividi

Ex Governatore della Sicilia, Totò Cuffaro: “Torno in politica ma non da candidato”

L’ex Governatore della Sicilia, Totò Cuffaro, tornato libero dopo una condanna a sette anni di reclusione in carcere per favoreggiamento personale verso soggetti di Cosa Nostra e rivelazione di segreto istruttorio ha dichiarato di essere pronto a tornare nel mondo della politica. “Da quando sono tornato un uomo libero ho sempre sostenuto che il mio tempo per la politica fosse finito – ha dichiarato Cuffaro – e il mio tempo per la politica elettiva da candidato è assolutamente finito. Intanto perché sono interdetto e poi perché ritengo che non sia giusto dopo la mia condanna ritornare in politica da candidato. Ma ho intenzione di incidere nella politica siciliana, a partire dalla costruzione di una nuova classe di giovani dirigenti in Sicilia – chiosa l’ex presidente della Regione Siciliana -, li candideremo a partire dalle prossime elezioni comunali”.

Condividi