Messina, Guardia di Finanza recupera e salva una tartaruga “Caretta Caretta”

L’equipaggio della Vedetta “V.2056” della Stazione Navale della Guardia di Finanza di Messina, nel corso di una navigazione a tutela dell’ordine e la sicurezza pubblica in mare, ha recuperato nelle acque peloritane una tartaruga marina della specie “Caretta Caretta”, lunga 35 centimetri, in evidente stato di difficoltà. La tartaruga non riusciva ad immergersi e aveva una ferita superficiale al carapace. La specie protetta è stata curata e i finanzieri di mare la hanno consegnata, nel porto di Reggio Calabria al personale del Centro di recupero tartarughe marine di Brancaleone.

Condividi

Catania, nuovi locali per il plesso scolastico “Nunziatella” della Vittorino da Feltre

Il sindaco di Catania Salvo Pogliese si è recato stamani a visitare il plesso scolastico “Nunziatella” dell’istituto comprensivo Vittorino da Feltre, ubicato nei pressi di via Palermo nel cosiddetto quartiere “Vanedda a Chiesa”.

Erano presenti il preside Francesco Ficicchia, il consigliere comunale Andrea Barresi e i rappresentanti del comitato dei residenti Salvatore Giuffrida e Pino Currò, insieme agli alunni, ai docenti ed al personale amministrativo della scuola.

Gli studenti, guidati dai loro insegnanti, hanno accolto festosamente, con recite e con la banda musicale composta dagli stessi alunni, il Sindaco e gli altri ospiti, dando in dono al primo cittadino un coloratissimo dipinto che raffigura un simpatico elefante seduto sui libri di scuola.

Il sindaco ha ringraziato il consigliere Barresi che “per primo ha sollecitato il miglioramento strutturale della scuola con lavori nel piano terra dell’edificio per assicurare agli studenti la continuità didattica all’interno del quartiere dove risiedono. Il nostro impegno è stato fermo perché la scuola sappiamo che garantisce un ottimo livello qualitativo dal punto di vista formativo in un quartiere di periferia”.

Il locali del piano terra sono stati ristrutturati con interventi manutentivi della Multiservizi che ha ripristinato i bagni e alcuni interni e assicurato l’illuminazione nelle strade limitrofe all’edificio scolastico.

È stata così resa disponibile – ha detto il preside Ficicchia – un’ala dell’edificio che ci consente, tra l’altro, di differenziare l’accesso alla zona servizi tra gli alunni dell’elementare e quelli delle medie.”

“Avevo preso, insieme al sindaco, – ha detto il consigliere Barresi – l’impegno, malgrado le modeste risorse di cui dispone l’Amministrazione, di dare agli alunni del quartiere una scuola funzionale, una scuola con opportunità non differenti da qualsiasi altra in qualsiasi altro quartiere.”

Catania – ha aggiunto il sindaco – ha ottime scuole dal punto di vista formativo, dobbiamo migliorarne l’edilizia. Per questo stiamo rimodulando il “Patto per Catania” dedicando quasi 50 milioni di euro all’emergenza abitativa e per l’appunto all’edilizia scolastica”.

Condividi

Catania, Paranormal Circus dona gli incassi di uno spettacolo a Telethon

L’intero incasso dello spettacolo “Paranormal Circus” che andrà in scena venerdì 28 febbraio alle ore 17.30 nel tendone installato in piazza Raffaello Sanzio, a Catania, sarà devoluto in beneficenza a Telethon. Lo hanno deciso gli organizzatori dello show su sollecitazione del sindaco etneo Salvo Pogliese e dell’assessore alle Attività produttive Ludovico Balsamo che hanno ringraziato il produttore Tayler Martini a nome dell’Amministrazione comunale. Il “Paranormal Circus” sarà a Catania a partire da venerdì 21 marzo con due spettacoli al giorno.

Condividi

Catania, bando per la realizzazione della nuova cittadella giudiziaria

Il 21 febbraio sarà pubblicato il bando per il concorso di progettazione a due gradi al fine di realizzare dei nuovi Uffici giudiziari della città di Catania. Il bando sarà diffuso sulla piattaforma informatica per la gestione dei concorsi del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori.

Il costo stimato per la realizzazione dell’opera è di 26 milioni di euro. Il montepremi del concorso ammonta a 165.400 euro. L’iniziativa nasce a seguito di un protocollo di intesa sottoscritto a Roma tra la Regione Siciliana, il Consiglio Nazionale e l’Ordine Provinciale degli Architetti, in occasione della Conferenza Nazionale degli Ordini degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori.

La Regione Siciliana promette di promuovere un processo di rigenerazione urbana del sito. Quest’ultimo ospitava la vecchia sede degli Uffici postali, che è stata già demolita, attraverso la procedura del concorso di progettazione a due gradi. Questo genere di progetto per gli architetti italiani, rappresenta lo strumento migliore per valorizzare la professionalità dei concorrenti.

Il concorso sarà gestito in forma anonima in tutte le sue fasi e prevede un primo grado aperto a tutti i soggetti interessati in possesso dei requisiti generali e di idoneità professionale. Il secondo grado, invece, è riservato agli autori delle cinque migliori proposte che verranno selezionate dalla Commissione giudicatrice. A tutti gli ammessi alla seconda fase verrà corrisposto un congruo premio. Il vincitore verranno inoltre affidate le fasi successive della progettazione.

Condividi

Tirocinanti dell’avviso 22 in protesta: lavorano da mesi senza ricevere mensilità

Monta la protesta di circa diecimila tirocinanti dell’avviso 22 che hanno iniziato il percorso extracurriculare offerto dalla Regione Siciliana la quale dovrebbe erogare fondi per la partecipazione di migliaia di giovani attualmente impegnati in tirocini formativi in azienda. Secondo la normativa entro 60 giorni lavorativi dovevano essere accreditati i primi rimborsi ma ancora oggi moltissimi tirocinanti non hanno ricevuto nulla. Il ritardo dei pagamenti sembra essere dovuto ad una lentezza burocratica.

Condividi

Agrigento, cane dentro un sacco dei rifiuti: i volontari del rifugio “Hope” salvano Eliot

Orrore ad Agrigento. Un cane, Eliot, è stato trovato all’interno di un sacco dei rifiuti abbandonato come se fosse immondizia. A raccontare la terribile storia sono i volontari del centro “Hope” che lo hanno salvato. Il cucciolo è stato trasportato da un veterinario che lo ha curato. Attualmente riversa in gravi condizioni ma è monitorato giorno e notte. Il cane è affetto da leishmaniosi e da alcune patologie legate alle punture di zecche. Eliot ha un buco sotto al collo dal quale ha perso molto sangue ma è sotto fluidoterapia con antibiotici. Ieri ci sono stati dei miglioramenti, infatti, il cucciolo, spiegano i volontari, ha aperto gli occhi dopo molto tempo e sembra reagire alle cure. Il rifugio “Hope” sta chiedendo aiuto a chiunque volesse fare donazioni per sostenere il costo delle cure che potrebbero salvare la vita al povero cane.

Fonte foto: Pagina Facebook Rifugio Hope – Agrigento

Condividi

Piano Sud, il governo prevede 123 miliardi di euro

Innovazioni e fondi per il Sud. Il Piano Sud del governo nazionale di Conte prevede oltre 123 miliardi di euro. Nel periodo 2020-22 è previsto un impatto di 21 miliardi di euro (+65% rispetto al triennio 2016-18). Così facendo si massimizzerà l’effetto delle misure della Legge di Bilancio 2020. Il governo centrale ha progettato il miglioramento della viabilità secondaria e nuove ‘Case della salute’ per l’assistenza integrata. Sarà anche ideato un reddito energetico per le famiglie e la sperimentazione dell’economia circolare. Il Green Deal sarà impegnato al Sud e nelle aree interne al fine di realizzare alcuni obiettivi specifici dell’Agenda Onu 2030. Il proposito è quello di limitare i rischi legati ai cambiamenti climatici.

Condividi

La Regione Siciliana stanzia due milioni e mezzo di euro per l’autostrada Messina-Palermo

Il governo della Regione Siciliana ha intenzione di migliorare la sicurezza sulle strade siciliane e, su proposta degli assessori alle Infrastrutture Marco Falcone e all’Economia Gaetano Armao, ha destinato due milioni e mezzo di euro per interventi sull’autostrada Messina-Palermo. L’A20 è di competenza del Consorzio per le Autostrade Siciliane che è controllato proprio dalla Regione.

Saranno realizzati impianti di supervisione, telecontrollo e radio nei tunnel “Tindari” e “Capo d’Orlando”. Le gallerie, negli ultimi tre anni, sono già state sottoposte a diverse opere di messa in sicurezza come il consolidamento delle pareti e delle calotte e la riqualificazione e l’adeguamento degli impianti tecnologici. Sei mesi fa le zone sono state riaperte al traffico, in ambedue i sensi di marcia.

Proseguono gli investimenti della Regione per rendere più sicure ed efficienti le arterie stradali dell’Isola, da anni ormai abbandonate dalle Province e in parte trascurate dall’Anas – ribadisce Musumeci -. Siamo intervenuti sulla viabilità cosiddetta secondaria, la cui manutenzione dovrebbe essere in carico alle ex Province. E proprio su questi ultimi 15 mila chilometri di strade, oltre alle risorse già stanziate (100 milioni di euro), stiamo pensando di destinare un’altra corposa fetta di finanziamenti derivanti dalla rimodulazione dei Programmi di spesa europei e nazionali. Ma non può bastare – afferma il presidente -. Al governo nazionale (che con una legge folle, la Delrio ripresa da Crocetta, ha devastato gli enti provinciali) continuiamo a chiedere restituisca le Province alla loro originaria funzione, dotandole di risorse, oppure istituisca in Sicilia un commissariato con poteri speciali e almeno due miliardi di euro per rimettere in sesto una parte delle strade provinciali disastrate. Nessuno a Roma può far finta di non sapere” dice il governatore in conclusione.

Condividi

Isola delle Femmine (PA) in vendita: donne progettano un crowdfunding

L’isolotto delle Femmine, nel palermitano, formato da 15 ettari di roccia e una torre distrutta in parte, come si legge sull’Ansa, è in vendita da circa un anno. Tale dato è presente sul sito della Romolini immobiliari con una trattativa riservata ad un prezzo di circa 3 milioni e mezzo di euro. Gli eredi di Rosolino Pilo sono proprietari dell’isola che è una riserva integrale con decreto della Regione Siciliana. Quest’ultima ha stabilito che l’area marina protetta fosse affidata, dal 1998, in gestione alla Lipu. L’Unione Europea, inoltre, la riconosce come Zona speciale di conservazione. L’eventuale acquirente, dunque, non potrà realizzare tutto ciò che vorrà nel territorio in questione. Quattro donne impegnate in attività culturali (Stefania Galegati, Valentina Greco, Claudia Gangemi e Marcela Caldas) stanno progettando un crowdfunding per acquistare l’isola. Galegati ha rilasciato delle dichiarazioni, al sito Balarm, in merito alla questione. “Abbiamo pensato di chiedere una quota simbolica di dieci euro a donna e di comprare l’isola”. Le ideatrici dovranno trovare 350mila finanziatrici che mettano 10 euro l’una per acquisire l’isola, luogo abitato da uccelli marini, patelle e granchi.

Condividi

Catania, mostra “Giuseppe Fava. La pittura come documento racconto e denuncia” alla Galleria d’arte moderna

La pittura come documento racconto e denuncia” è la mostra di opere pittoriche di Giuseppe Fava che sarà inaugurata mercoledì 19 febbraio alle 17.30  nella Galleria d’arte moderna di via Castello Ursino 26 (angolo via Transito).
Saranno presenti il sindaco di Catania Salvo Pogliese e l’assessore alla Cultura, Barbara Mirabella, la presidente della Fondazione Fava, Francesca Andreozzi, la curatrice della mostra, Giovanna Mori, il prof. Giuseppe Maria Andreozzi, responsabile dell’Archivio Giuseppe Fava, e don Luigi Ciotti presidente di Libera.
L’evento è organizzato dall’assessorato alle Attività e ai beni culturali del Comune di Catania insieme con la Fondazione Giuseppe Fava che ha ideato il progetto espositivo, a cura di Giovanna Mori.
L’obiettivo è quello di portare a conoscenza del pubblico che Giuseppe Fava, ucciso per mano della mafia il 5 gennaio del 1984, oltre che giornalista fu scrittore, drammaturgo, cineasta e anche pittore.
Dopo la mostra di Taormina del 2001, e la recente esposizione a Milano, l’evento torna in Sicilia con una raccolta di circa 70 opere, tra dipinti ad olio, incisioni e disegni realizzati lungo un arco di tempo che corre dalla fine degli anni Cinquanta ai primi anni Ottanta.
Un’occasione per cogliere e apprezzare la poliedricità di Giuseppe Fava, il suo muoversi con efficacia su vari ambiti espressivi strettamente integrati fra loro poiché uniti dal medesimo intento: osservare per raccontare con sguardo lucido e senza timore.
L’esposizione sarà arricchita da materiale documentario, come fotografie, prime edizioni, presentazioni di personali e video, che permetterà ai visitatori di avvicinarsi ulteriormente all’artista ed alla sua opera.
L’apertura al pubblico è prevista sino a sabato 14 marzo, dal lunedì al sabato, con orario continuato dalle 9 alle 19. Domenica e festivi chiusa. L’ingresso è libero.

Condividi